Già…diciamoci la verità…le vacanze brevi sono una tortura! Io non amo le mezze misure, per me le vacanze per definirsi tali devono avere una durata maggiore di due settimane. Quando si hanno dei bambini cinque giorni di vacanza sono solo utili a scombussolare i loro equilibri e mettere a dura prova la salute mentale dei genitori

Sarà perché Marcello aveva del lavoro da ultimare, sarà perché Danilo doveva rimanere il più possibile a riposo, sarà perché era previsto maltempo, noi per queste vacanze non ci siamo organizzati in nessun modo. Abbiamo trascorso le giornate più o meno come in tempi normali con l’aggravante che non essendoci scuola era necessario dare ascolto ed attenzioni ai bimbi per tutto il giorno.

image image

Le ho tentate tutte: la gara di disegni, il lego-sauro, i serpentelli da dito ed i camioncini di Mr. Printable (vedi post precedente), le tortine con le mini-uova, il cinema (abbiamo visto Rio2), la pizza, ma nulla, inesorabilmente dopo appena due minuti dalla fine di un’attività scoramento e noia palesi sui volti dei miei bambini mi facevano capire che i miei sforzi erano stati vani. La verità è che ci mancavano il parco, la bicicletta, giocare a pallone nel portico (con annesse imprecazioni degli avvocati dello studio accanto) e soprattutto la scuola con i compagnetti, le maestre e la routine quotidiana. Ecco tutto. Oggi si rientra…beh…EVVIVA la SCUOLA!!

0 Like