Lo scorso fine settimana con Marcello abbiamo deciso di sperimentare un breve viaggio sulla neve.

Questo inverno mite (per fortuna!) ci aveva lasciato il desiderio di giocare sulla neve: la visione di Frozen a Natale e una spruzzata di neve a Gennaio aveva rinforzato il desiderio dei bimbi. Così ci siamo decisi e abbiamo prenotato 3 giorni in un Family Hotel di Andalo.

L’esperienza nel complesso, per quanto un po’ faticosa, è stat molto positiva. La scelta di un albergo predisposto ad ospitare bambini è stata una scelta che ci ha reso più semplice il soggiorno. Il tempo magnifico ha fatto il resto. Avendo solo Danilo in età da sci (i maestri non li prendono prima dei 3 anni) sicuramente è stato un limite, ma comunque abbiamo un giusto compromesso tra il desiderio di inforcare gli sci del grande e la voglia di giocare sulla neve di Federico. Sabato abbiamo fatto togliere a Danilo lo “sfizio” di provare a sciare prenotando per lui una lezioncina con un maestro. Papà ha fatto le sue piste in solitaria e mamma ha impiegato il suo tempo a scivolare con Federico sul bob e costruire pupazzi di neve regolarmente distrutti ancor prima di essere terminati dalla mia piccola peste!

IMG_5119

IMG_5124

La domenica abbiamo evitato le piste e siamo stati in un parco giochi attrezzato sia per i più piccini che per i grandi dove ci siamo divertiti con scivoli e gommoni (adrenalina a mille!) e di pomeriggio una bella nuotata in piscina (bellissima e riscaldata per i più piccoli).

IMG_5143

P1080535

 Il lunedì mattina mentre papà faceva un paio di piste noi abbiamo fatto una lunghissima passeggiata sulla neve con Michael, l’animatore dell’albergo, che ci ha accompagnati a scoprire i “masi” più antichi di Andalo e la sua natura meravigliosa (con lieto fine in tazza: cioccolata calda!!!!).

IMG_5169

Stanchi e soddisfatti, lunedì pomeriggio i bimbi ci hanno concesso un paio d’ore di libertà e finalmente io e Marcello abbiamo potuto fare una sciatina insieme. Premetto però che sono una sciatrice, ho messo gli sci ai piedi per la prima volta nel 2009, prima di rimanere incinta di Danilo, dopodiché più niente. Beh, che dire, dopotutto me la sono cavata bene, un paio di cadute dovute soprattutto alla condizione delle piste (neve troppo morbida e avvallamenti) qualche incertezza, ma le ultime piste finalmente sono state soddisfacenti. Ma la cosa più bella è stata la vista dalla cima della Paganella: tutte le Dolomiti ai nostri piedi e in fondo il Lago di Garda.

IMG_5184

Che dire…nonostante io, da buona siciliana, ami profondamente il mare, dopotutto, la montagna ha il suo fascino!

0 Like